FAQ

Qui di seguito trovare le domande più frequenti con le loro risposte. Se sentite di aver bisogno di altri chiarimenti non esitate a contattarci. Potete mandarci un messaggio privato su Facebook o scriverci una mail al nostro indirizzo di posta elettronica. Il nostro STAFF è sempre pronto per un confronto e una chiacchierata! 

Intanto, se vuoi continuare a conoscerci e vuoi leggere le testimonianze dei nostri volontari, dai un'occhiata al Blog!

DOMANDE PIÙ FREQUENTI

L’esperienza che proponiamo è di condivisione: durante le giornate si fanno delle attività che ci permettono di entrare in contatto con la realtà locale e stabilire delle relazioni, questa è la cosa più importante, non quello che sappiamo fare.
Andiamo a conoscere un mondo molto diverso dal nostro, una cultura complessa, situazioni di forte impatto emotivo e sociale. Per questo bisogna essere preparati, approfondire. Inoltre conoscere le persone del gruppo aiuterà ad affrontare meglio il viaggio, ad organizzarsi insieme, a fare una esperienza comune.
Tutti parlano inglese, quindi conoscerlo è indispensabile per entrare in relazione delle persone del posto. Quando siamo insieme con le persone del posto è buona educazione non parlare italiano tra di noi per evitare di escluderli.
Il campo è un’esperienza aperta a tutti, credenti e non credenti, è un’esperienza forte che ci mette in discussione a 360 gradi, e quindi anche la nostra parte spirituale deve essere considerata. Ci sono due momenti di preghiera durante la giornata a cui tutti, in modo diverso, partecipano.
Nairobi si trova su un altipiano a 1.795 metri, sotto l’equatore, a Dicembre la temperatura è intorno ai 30°di giorno, con un clima secco, mentre di notte dormiamo con la coperta, perché la temperatura cala di circa 15°.
I nostri pasti saranno molto semplici e sicuri, come regola generale però bisogna sapere che è consigliato mangiare verdure solo cotte e frutta sbucciata, bere acqua bollita o da bottiglie chiuse.
Certamente estivo e comodo, semplice e di basso profilo. Sono consigliati i pantaloni lunghi e scarpe chiuse per le attività, sono indispensabili le infradito per fare la doccia. Qualcosa di pesante per la sera.
Si, è necessario un visto per entrare, che si può fare in aeroporto all’arrivo compilando un modulo con i propri dati e pagando una cifra che attualmente è di circa 45 euro.
Non ci sono vaccini obbligatori per entrare in Kenya. Consigliamo di decidere se fare la profilassi antimalarica solo dopo aver consultato uno specialista in quanto per l’altitudine di Nairobi il rischio della malaria è estremamente basso.
No, saremo sempre in gruppo, sia per le attività della giornata, sia nel luogo che ci ospita per i pasti ed il soggiorno. Il viaggio è una straordinaria esperienza personale, ma può essere compresa solo se condivisa comunitariamente nel gruppo.